Agevolazioni fiscali per l’acquisto e la vendita della prima casa 2018

 

Le agevolazioni per l’acquisto della ‘prima casa’ sono le seguenti:

  • applicazione dell’imposta di registro nella misura del 2%
  • applicazione delle imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di 50 euro ciascuna
  • se la vendita è soggetta ad Iva, sono dovute l’imposta di registro, quella ipotecaria e quella catastale nella misura fissa di 200 euro, oltre all’Iva ridotta al 4%
  • Tali agevolazioni spettano all’acquirente che alternativamente:
    • risieda nel Comune in cui è sito l’immobile
    • si impegni a trasferirvi la residenza entro i successivi 18 mesi dall’acquisto,
    • svolga la propria attività nel predetto comune.

    Si ricorda che le agevolazioni “prima casa” non sono ammesse, per l’acquisto di immobili appartenenti alle categorie catastali A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici).

     

    Anche il contribuente che è già proprietario di un immobile acquistato con le agevolazioni prima casa può avvalersi del beneficio fiscale, a condizione però che la casa posseduta sia venduta entro un anno dal nuovo acquisto. Se questo non avviene, si perdono le agevolazioni usufruite per l’acquisto del nuovo immobile e, oltre alla maggiori imposte e ai relativi interessi, si dovrà pagare una sanzione del 30%.

     

     

    Inoltre, chi vende l’abitazione acquistata con le agevolazioni ed entro un anno ne compra un’altra in presenza delle condizioni per usufruire dei benefici “prima casa”, ha diritto a un credito d’imposta pari all’imposta di registro o all’Iva pagata per il primo acquisto agevolato.

    (Fonte fiscoetasse.com)

VALUTIAMO GRATUITAMENTE IL TUO IMMOBILE 

Per saperne di più clicca qui